• Filippo Maria Battaglia

Chi è Louise Glück, la voce della poesia americana che ha conquistato Stoccolma

Aggiornato il: nov 2

“Un percorso molto approfondito, coerente e spietato; e, insieme, una voce così lucida e diretta da creare con le proprie domande quasi disagio”. È quanto mi ha detto Elisa Biagini sull’assegnazione del Nobel per la letteratura all’americana Louise Glück

I giurati di Stoccolma hanno ricordato come "l'infanzia, la vita famigliare e le relazioni con genitori e fratelli siano una tema che rimane centrale nel suo lavoro", e su questi temi è tornata anche Biagini, che ne ha tradotto alcuni versi in un’antologia da lei curata e intitolata "Nuovi poeti americani".

"Glück – mi ha detto durante l'intervista a Sky TG24 - presenta una lingua precisa, di forte impatto emotivo ma anche intellettuale, e usa spesso il contesto familiare come una lente di osservazione universale. È vero, nei suoi versi si parla di coloro che ci sono attorno; eppure, ciò diventa il pretesto per interrogarci sul nostro essere nel mondo”.

Per saperne di più, qui c'è quello che mi ha detto.


11 visualizzazioni
  • Twitter Clean
  • Flickr Clean
  • Instagram
  • Twitter Icon sociale
  • Facebook Icona sociale
  • LinkedIn Icona sociale